"Al posto mio" è il nuovo singolo di Marco Guazzone

Marco Guazzone torna con un nuovo singolo: dal 7 gennaio è disponibile 'Al posto mio', con la partecipazione dell'Orchestra Di Roma.
  • Parto dicendo che mi ha colpito moltissimo di te la non banalità dei tuoi brani ma al contempo la semplicità con cui li trasmetti: credi che la chiarezza nei contenuti sia il modo più semplice per arrivare al cuore delle persone?


E’ un processo che sto imparando con il tempo. In questo brano per la prima volta ho usato un linguaggio ed una modalità di espressione molto diretta rispetto a brani passati.


  • “Al posto mio” è un brano che parla della presa di consapevolezza della fine di una relazione importante in cui si viene rimpiazzati da un’ altra persona…Le prime volte, per i più giovani, è un dolore grande. Come si medicano le ferite?


Non c’è un manuale. Quello che posso dire per mia esperienza è che non ci sono cose giuste o sbagliate; sono tutte facenti parti di un processo di guarigione.

Possiamo tutti confermare che il tempo cura queste ferite.


  • Come hai lavorato a questo pezzo? Sei solito collaborare con autori e produttori di grande prestigio…


In questi anni mi sono dedicato a lavori “dietro le quinte” ed ho imparato l’importanza di avere una squadra. Anche in questo mio percorso da solista sto portando avanti questa lezione dalla scrittura alla musica all’arrangiamento ed è una cosa molto importante.



  • Hai avuto, in parallelo, anche delle soddisfazioni con la tua band “Stag”...Hai collaborato con una certa Matilda De Angelis in passato…Mica da ridere. Com’è collaborare con lei? 


Ci siamo conosciuti in un set di una serie Tv, lei era una delle protagoniste. E’ una attrice incredibile ma abbiamo scoperto che lei nasce come cantante ed abbiamo decido di fare questa collaborazione insieme


  • Non solo, collabori pure con Ed Sheeran ed Andrea Bocelli…ovunque ti giri non sai dire quale sia l’artista più grande. Quando te lo hanno proposto, cosa hai provato?


Mi sembra sempre assurdo ogni volta che ci penso. E’ stata una cosa spaziale, la scelta è stata fatta perchè hanno ascoltato i miei pezzi. E’ stata un’esperienza bellissima.


  • Immagino che ora, vorrai anche abbracciare anche l’attività live. Quando pensi sarà possibile?


Sono cresciuto su di un palco, ho vissuto tante esperienze. Il mio nuovo progetto solista è nato durante questo periodo di pandemia e mi manca un sacco tornare a fare musica dal vivo.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Suspendisse varius enim in eros elementum tristique. Duis cursus, mi quis viverra ornare, eros dolor interdum nulla, ut commodo diam libero vitae erat. Aenean faucibus nibh et justo cursus id rutrum lorem imperdiet. Nunc ut sem vitae risus tristique posuere.

Nicholas Tasin
instagram icon
back to all posts