Samuele Proto il nuovo singolo “Fuliggine”

È il racconto di un sentimento personale e la liberazione da ciò che lo rende infelice quello di Samuele Proto in “Fuliggine".


  • Ciao, come stai e come stai attraversando questa ripresa? 

Ciao, grazie prima di tutto per l’intervista. Sto bene, sono molto positivo e motivato. La ripresa per quanto mi riguarda sta andando molto bene e percepisco la necessità delle persone di vivere nuove esperienze e condividere nuova musica dopo due anni critici. Soprattutto in ambito Live. 


  • Il nuovo singolo “Fuliggine” utilizza la parola in un modo molto descrittivo. Quanto è importante per te usare le parole in un modo oculato? In questo brano ad esempio lo hai fatto…

Fino ad oggi l’utilizzo di una scrittura cosi descrittiva non è mai stato fondamentale per me. Mi reputo quasi più musicista che autore. Negli ultimi mesi però ho avuto il piacere di collaborare a stretto contatto con Edoardo, un giovane e bravissimo poeta Fiorentino. Anche grazie alla sua collaborazione ho potuto sperimentare e capire l’importanza di una ricerca lirica focalizzata sulla descrizione. Per quanto riguarda “Fuliggine”, le atmosfere create dal brano in termini musicali hanno saputo accompagnare perfettamente il testo. Un vero e proprio racconto che cerca di creare delle immagini. Forse la mia miglior canzone per poter sperimentare sul testo. 


  • Quando è nata la canzone? A cosa pensavi quando la hai scritta?

La canzone è nata inizialmente una veste completamente diversa, sia sul testo che sulla musica. Dopo quasi un anno di ripensamenti ha preso vita l’arrangiamento giusto ma ancora qualcosa non quadrava. Alla chiusura del pezzo ho quindi deciso di rimescolare le carte, riscrivere un altro testo e dare una nuova vita alla canzone. Ad oggi credo che il connubio fra parole e musica abbia il giusto equilibrio. Quantomeno l’equilibrio che cercavo. Riguardo il momento esatto in cui è stata scritta mi trovavo appunto con Edoardo Rossi e l’idea fru quella di raccontare una storia. La storia di una ragazza, un’attrice trovatasi a dover recitare una poesia dedicata ad un amore mancato di fronte proprio al soggetto della sua poesia. Volevamo realizzare una descrizione in terza persona, essere anche noi all’interno della scena ma come osservatori. 


  • La ragazza di cui parli nella canzone la rivedi in qualcuno? 

La ragazza descritta simboleggia un passaggio che ognuno di noi affronta. Quel momento in cui c’è bisogno di voltare pagina, andare avanti e liberarsi dai turbamenti. La rivedo in me stesso, ma credo che ognuno di noi possa avere una situazione simile e che possa rivedersi nelle parole. 


  • Come avete lavorato alla produzione del brano?

La produzione del brano è stata molto interessante. Come in tutto il disco ho cercato di realizzare una musica ed un arrangiamento molto evocativo. Il sound “strizza l’occhio” alle classiche ballate soft rock americane. Chitarre acustiche e tempi vuoti fra una frase e l’altra. Dopo aver realizzato la produzione poi ho affidato le parti strumentali ai miei musicisti di fiducia. Con la loro capacità hanno saputo concretizzare le mie idee con una classe sicuramente di livello. 


  • Conosci il mondo degli NFT? Ti incuriosisce? 

Non conosco il mondo degli NFT, o meglio non la conosco a fondo. Mi incuriosisce tutto ciò che riguarda il mondo artistico. Mi chiedo spesso quanto effettivamente possa cambiare o meno il mondo artistico e in tal senso, se con dei benefici per gli artisti o no. Non rimane che stare ad osservare. 


  • Farai, a breve, attività live? 

Sto facendo attività Live, fortunatamente. Per il mio progetto il Live è vitale, è in concerto che riesco ad esprimere al meglio il concetto delle canzoni tramite l’utilizzo anche di arrangiamenti rivisitati e parti strumentali. Ad oggi con l’uscita del primo singolo e con Fuliggine siamo riusciti a realizzare 5 Live e ne abbiamo altrettanti “in cantiere” in vista del periodo estivo. Una sorta di minitour in giro per la toscana gestito in modo indipendente. A breve spero di annunciare altre date magari anche fuori regione.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Suspendisse varius enim in eros elementum tristique. Duis cursus, mi quis viverra ornare, eros dolor interdum nulla, ut commodo diam libero vitae erat. Aenean faucibus nibh et justo cursus id rutrum lorem imperdiet. Nunc ut sem vitae risus tristique posuere.

Nicholas Tasin
instagram icon
back to all posts